casa ozanam - orto urbano torino
Domenica 14 maggio la festa di apertura

Dopo il grande successo dello scorso anno, il 14 maggio alle ore 15 l’OrtoAlto di Casa Ozanam - realizzato sul tetto del ristorante Le Fonderie Ozanam di Torino - apre al pubblico. Nuovi esemplari di flora e alveari per l’orto urbano di 300 metri quadrati posto sul tetto dell’ex fonderia dismessa del capoluogo piemontese.

“Un progetto innovativo che conferma l’evoluzione del giardino pensile da elemento estetico a valore economico e sociale. – ha commentato Maurizio Crasso, direttore della divisione verdepensile di Harpo, azienda triestina che ha fornito il sistema a verde pensile e il substrato di coltivazione delle Fonderie Ozanam -  Il progetto degli architetti Elena Carmagnani e Emanuela Saporito - fondatrici di OrtiAlti di cui Harpo è partner - ha saputo cogliere le potenzialità del verde pensile come strumento di riqualificazione urbana, di nuova socialità e di una rinnovata attenzione al verde che diventa come in questo caso un vero e proprio stile di vita. Sul tetto, nel pieno della vita urbana, le piante crescono sane grazie al particolare substrato, ricco di ossidi di ferro e alluminio che contribuiscono a rendere gli inquinanti poco solubili in acqua”.

L’orto ha ricoperto una funzione sociale ed educativa in maniera innovativa: oltre a rappresentare un intervento di rigenerazione urbana, ha creato spazi inediti e innescato nuove micro-economie coinvolgendo cooperative sociali e associazioni di quartiere. Forte di questi successi ottenuti, oggi Casa Ozanam non si ferma ed è pronta a diventare un giardino condiviso a disposizione di tutti. Dal 14 maggio (dalle ore 15 alle ore 19 in via Foligno 14), infatti, sarà visitabile tutti i mercoledì e sabati pomeriggio, con un calendario di attività per bambini, dedicate all’orticoltura, all’apicoltura, al riciclo e al cibo a metro zero.

Costruite nel 1938 dall'architetto bulgaro Nicolaj Diulgheroff, le ex Fonderie di via Foligno 14 sono state completamente rimesse a nuovo in un intervento che include elementi innovativi di rinascita degli spazi degradati, grazie al verde. Ma la riqualificazione è solo una delle declinazioni del verde pensile.


Ecco i vantaggi per chi lo sceglie:

  • Fresco d’estate, caldo d’inverno:  Il verde pensile è l’ideale per mantenere gradevoli le temperature in tutte le stagioni. In estate favorisce l’uscita del calore attraverso il tetto, mantenendo gli ambienti piacevolmente freschi; in inverno il verde pensile aumenta la resistenza termica del tetto del 10% circa, contribuendo a trattenere il calore;
  • Risparmio energetico, che può arrivare fino al 30%;
  • Il tetto dura di più: il verde pensile protegge il manto impermeabile dall’escursione termica giornaliera, dal gelo, dai raggi UV;


Ecco i vantaggi per l’ambiente:

  • Miglioramento del microclima: riduzione delle emissioni di anidride carbonica;
  • Filtraggio delle polveri (10-20% in meno) e fissaggio di sostanze nutritive dall'aria e dalle piogge;
  • Protezione dal rumore attraverso minore riflessione ed insonorizzazione delle superfici sommitali


Chi ne parla:
meteoweb.eu >>> leggi
IN NATURA >>> leggi
 

Allegati: